fbpx

Solo i più intelligenti la capiranno…

Tempo di lettura: 3 min.

Ultima puntata dell’anno con un ospite davvero speciale, tra beat italiano e panettone

E con il Best of 2019 by Houserockin’ Chris

Come si fa a chiudere col botto prima della pausa natalizia? Prendi l’atmosfera di festa, mettici della buona musica, passioni in comune e prova a trasmettere buone vibrazioni attraverso il mezzo di comunicazione più bello che ci sia: la radio. Non potrai che ottenere un buon risultato.

Questa sera l’invito è di iniziare ad ascoltare subito la puntata – anche a pezzi! – perché descrivere la situazione è veramente difficile. Sono passati a trovarci amici di vecchia data come Libo e Davide Fiorini, ma la parte del leone l’ha fatta l’ospite speciale ovvero Mr. Pier Giacomo “Pigy” di Valsusa Retrò.

Il beat italiano è la Bibbia dell’Amore

Pigy

Lo potremmo chiamare movimento, collettivo, gruppo? È creato da persone che hanno in comune la passione per ciò che alcuni chiamano “cose vecchie”, altri vintage, in una parola Retrò – che per accezione esprime già da sé l’idea di qualcosa di bello e fascinoso e che arriva dal passato – e si propone attivamente di mantenerne la memoria con serate a tema, concerti, Dj set ed altre attività dedicate. Ed è originario della Val di Susa, la celebre valle ad ovest della provincia di Torino che porta verso la Francia attraverso le Alpi Cozie.

Click here to listen One Two Three Four!

Per iniziare ad ascoltare la puntata clicca qui sopra.

Sono arrivati un sacco di dischi inaspettati che il buon Christian ha pensato bene di portare per una rubrica specialissima in occasione di questa ultima serata pre-natalizia nonché ultima dell’anno: Houserockin’ Favourites of 2019, con tanti dischi arrivati e mai mandati in onda, oltre ad alcuni classici che abbiamo riascoltato volentieri.

Pigy invece questa sera ci ha portato nel mondo del beat italiano degli anni ’60: Caterina Caselli, Adriano Celentano, Patrizia, Alberto Anelli ed altri artisti seminali e spesso conosciuti per altri periodi più pop della loro carriera ma che, qui, interpretano in alcuni casi brani di origine straniera con un testo riscritto in italiano, altre volte pezzi inediti e seminali per un periodo molto particolare e forse ultimamente un po’ dimenticato della storia della musica italiana, che strizzava l’occhio al rock internazionale ma che scrisse una pagina completamente nuova nel panorama musicale nostrano dell’epoca.

Ovviamente vi invito ad ascoltare l’intervento per sentire con le vostre orecchie quanto è stato detto oltre che fatto girare sui piatti dei giradischi questa sera.

Pier Giacomo aka Pigy, con il 7″ di Shake in the Morning di Patrizia, 1966

Mentre ci arrivano foto di arancine e manicaretti dai nostri ascoltatori in Sicilia (yummi!!!), tanto è stato l’entusiasmo creato dalla selezione di Pigy che abbiamo deciso di continuare con i suoi dischi fino all’ultimo della puntata, che è stato invece riservato ad un classico irrinunciabile per una trasmissione natalizia che si rispetti: Last Christmas.

Appuntamento dunque al 7 gennaio 2020 con le dirette radiofoniche!

E per te che vuoi fare festa prima di Natale, venerdì sera saremo ancora all’Imbarchino per uno speciale DJ set rock’n’roll – per dirla in modo generico – rockabilly, rhythm & blues e doowop – per essere più specifici, tutto da ballare. Trovi qui l’evento.

Non dimenticare di condividere questo articolo con i tuoi amici. Grazie!
E per ascoltare tutte le puntate in podcast, vai su Mixcloud!

Tanti auguri e appuntamento al duemila venti!

Raffaello Allemanini

Ringraziamo come sempre Radio Banda Larga – questa sera nella persona di Guglielmo – per il supporto tecnico e la disponibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *