fbpx

Quante sono le cose che ci rendono felici?

Tempo di lettura: 2 min.

Un bicchiere con una buona compagnia, una gita fuori porta, un regalo inaspettato. Nessuno di noi sa la risposta, ma sappiamo per certo che insieme a tutto questo, a molti di noi, fanno felici le note che escono dal solco di un disco.

Ed è qui che entra in gioco One Two Three Four: va bene per i migliori momenti, come diceva quella pubblicità dell’amaro.

Click here to play podcast

Da questa nuova “stagione” estiva inauguriamo l’orario nuovo, che si traduce in 60 minuti di più musica e meno chiacchiere, con una squisita selezione di materiale degli anni 50 e 60.

Festa è la parola d’ordine. Dion & the Belmonts, Chuck Berry, i Champs o i Monotones sono quelli conosciuti, quasi messi in mezzo “per gradire”, la parte più succosa però la fanno gruppi come i Thrashers, i Lucky Charms, The Genies, The Keytones, Joe Thierren Jr. & the Sully Trio, Dwarless Fearsley.

Nel frattempo noi ci si prepara per la prossima settimana, che in questa ora-a-bomba vi vogliamo fare impazzire per tutta l’estate!

State attenti perché sabato arriva Marginalia #uno, il primo appuntamento da leggere con Vanina Pizii che racconta pensieri e ricordi d’altri tempi trasformando gli sproloqui di Christian Passarella in discorsi di due minuti con un senso compiuto 😉 Mi sà che presto ci toccherà fare un salto a Milano: visto che la famiglia di 1234 è cresciuta, ci vuole un brindisi!

Ci si sente, amici.

Raffaello Allemanini

Raffaello Allemanini

Comunicare. La cosa che ha sempre amato di più nelle molteplici forme, in particolare musica e arti visive. In giovane età non sta nella pelle per imparare a suonare la batteria, mentre segue un percorso formativo da grafico pubblicitario che lo porta, da grande, a lavorare nel settore per tanti anni. Ad un tratto, la musica diventa l’occupazione principale e da allora non smette più di studiare. Musica, vintage, radio, tecnologia, comunicazione, racconti, pubblicità, classifiche, etichette, design, grafica. Dalla passione per tutto questo e da una “visione” nata in un’altra vita, parte l'esperienza in radio che, con l’arrivo di Chris e Vanina, si evolve poi in questa specie di "fanzine" che è diventato One Two Three Four. Una piccola casa fatta con tanta passione per la musica e le cose di una volta.